Lettera aperta della consulta ai cittadini rendesi per il coinvolgimento diretto e attivo nelle scelte strategiche della città.

Cari concittadini, nel mese di febbraio abbiamo istituito la Consulta Beni Comuni – Rende, un organismo nato per concretizzare quanto disposto nel Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e comune per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani, attraverso il quale la nostra amministrazione intende favorire il coinvolgimento diretto e attivo dei rendesi nelle scelte strategiche che riguardano la città.A febbraio non sapevamo che le nostre vite sarebbero cambiate di lì a pochi giorni, con l’arrivo del covid 19, che anche se nel nostro territorio ha dilagato meno che in altri, ha ugualmente influenzato in modo duro e pesante le abitudini dei rendesi, come quelle della gran parte dei cittadini del pianeta. Il Corona virus ci ha richiuso in casa, ha di colpo abolito la nostra socialità, ha imposto un divieto ai nostri movimenti e contatti, ma ci ha anche ricordato, come lo schiaffo paterno che si ricorda per sempre, alcune cose estremamente importanti: che se è vero che la vita non ha prezzo, è vero che la cura e la sanità non possono essere lasciate agli interessi privati o alle clientele politiche; che se è vero che l’istruzione aiuta a crescere e ci rende liberi, è vero che il sapere, se trasmesso vis a vis da maestro ad allievo, è più pregnante e facile da interiorizzare; che se è vero che casa e reddito sono bisogni fondamentali per una esistenza dignitosa, è vero che questi andrebbero garantiti a chiunque come un diritto inalienabile. In poche parole, che se è vero che la città è il contenitore di tutte queste cose, è vero che la città è un bene comune in quanto tale e come un bene comune va considerata e governata.In questi giorni a cavallo tra maggio e giugno, nei quali ci stiamo riappropriando dei nostri spazi cittadini e contatti sociali, anche se distanziati, con questa lettera iniziamo formalmente i lavori della Consulta, che saranno sempre ispirati ai principi appena espressi e che non seguiranno un astratto metodo di partecipazione, che si risolve quasi sempre nel delegare qualcun altro a prendere decisioni al posto proprio, ma un concreto metodo di coinvolgimento diretto dei cittadini. La consulta dei beni comuni, in altri termini, vuole che tu sia protagonista di quanto si decide a Rende, in particolare per quanto riguarda la tua area di residenza. Ci auguriamo pertanto che consideri questa lettera come un invito di questa amministrazione a diventare parte attiva nei progetti di cura e rigenerazione dei beni comuni della nostra città, progetti da costruire insieme, che ruotano intorno all’idea di comunità, di decisione assembleare, di autogoverno. Progetti dei quali sarai informato, che potrai tu stesso proporre e presentare secondo quanto previsto nel Regolamento che puoi scaricare dal sito del Comune (https://www.comune.rende.cs.it/amm-trasparente/regolamenti-comunali-anno-2018/) e che ti invitiamo a leggere. Alla seguente email: benicomunirende@gmail.com invece, potrai comunicarci la tua disponibilità a partecipare ai lavori della consulta, le tue idee progettuali, i tuoi suggerimenti e quanto altro ritieni possa essere utile allo sviluppo dei beni comuni urbani. Ripartiamo anche noi, come oggi consuetamente si usa dire, ripartiamo da ciò che ci tiene insieme come una comunità, ripartiamo dai beni comuni.

Consulta Beni Comune Rende

Comune di Rende

Author: #DecidiamoNOI